Vigilia

E così è arrivato ancora
un altro anno da conteggiare
quello passato ci ha fatto penare
e anche il prossimo per un po’ lo farà.

Non sono neanche indaffarato
poche cose da preparare
niente scampi e polipetti
nè cozze vongole e gamberetti
ma il pensiero un pò svolazza
niente maionese così non impazza.

Lo so che cè chi non ne ha sempre
e forse a casa sempre solo sta
ma non credo sia peccato
per chi in tavola ha apparecchiato.

Se si ceca l’ allegria
con i figli, in compagnia
questa sera qui sarà pieno di tutti quelli andati via
però sicerca la fortuna
con due lenticchie e un cotechino.

Non sarà come da bambini
che ora abbiamo i nipotini
ma i pensieri sono buoni
poi ci sarà il solito concerto
con un valzer sul danubio blu
e questa è la sua nostalgia.

Let it snow

Stamattina il mondo s’è svegliato
tutto pulito e bianco
stamattina il mondo s’è svegliato
e sembrava un neonato che non sapesse d’esser nato.
S’intuivano appena appena le strade
ombre scure e rettilinee già tracciate sopra la neve
gli alberi piegati come severi osservatori
piegati dal peso di leggera, soffice e vaporosa neve.
Tanto vaporosa da confondersi nell’ aria con il cielo
eppure nell’ aria c’ era come un’ aria di attesa
attesa che quel che è già stato appaia.
Attesa che si sciolga, tutta quella neve, sposando la terra
anche se questa provvisoria veste bianca sembra proprio un sogno
sotto è già tutto scritto e disegnato
e anche quello che c’è sotto mi piace ancora tanto.
Anche se poi quel che appare non è più quel giardino segreto che da qui, ora, si riesce a immaginare.

foto mia

Bellezza interiore

Si ha un bel dire sulla bellezza interiore..
Ho cominciato a crederci un pò meno quando il proctologo,
infilandomi la sonda ecorettale ha detto
va che bella prostata ingrossata abbiamo qua dentro
e non contento ha voluto anche toccare con mano.
E avrebbe detto qualcosa anche il dentista,
da bimbo, magari su un bel campanellino là in fondo,
se non gli avessi morsicato un dito prima.

Così invece ha detto altro.

E poi hai visto le statue di Grillo, e della Bissara
Di Rodin e Claudel-
I quadri di Montoya, Ortiz,
Hopper o Van Hove.
Bellezza da vedere, esteriore
Come pure un sole che brilla sul lago
o la pioggia che fa quei rimbalzini che poi ricadono in tante goccioline a increspare l’ acqua.
O le stesse goccioline su una pelle lucida e nuda.

Viaggia nell’ aria la bellezza,
altro che,
sta fuori la bellezza,
ti entra dentro dagli occhi.
E’ che non so fin dove arriva
nè quando.

Immagine Armonia Salvatore Grillo (Grillos)

Succede così

Succede così,
non devi neanche star lì a pensarci.
Succede mentre guardi un film, per esempio,
ti accorgi che gli ultimi dieci minuti li hai persi
perchè t’ è passato in mente un ragazzo in volo su una moto
sopra la vecchia cava d’ argilla rossa.
E lei sotto, che non s’ aspettava che finita la salita la moto continuasse verso il cielo.
E l’ anteriore punta pericolosamente a terra, così accelleri,
la ruota gira, gira veloce nell’ aria, l’ anteriore risale e l’ atterraggio è perfetto.
Ma non atterri nella vecchia cava,
atterri sulla colma della Presolana,
al passo, vicino alla casa degli orsetti.
Io scelgo i rametti, che quello è roba da uomini, pardon, da bimbi
e lei, addentrata nel bosco sceglie il muschio più bello e pieno.
Servirà a tener calda la terra, nei vasi di legnetti,
e le cipolle dei ciclamini che ha scelto.
Succede così.
A quest’ età succede così.
Non devi neanche star lì a pensarci.
Si fatica di più a restare qui, in questo mondo, a guardare un film.

Pecora nera

Sono sempre stato un discolo
mi alzavo la mattina presto, per sbirciare sul tavolo se era passato Babbo natale.
Se c’era qualche gioco che mi piaceva e non era per me scambiavo i bigliettini
tanto chi sapeva cosa portasse Babbo natale.
Chissà com’era però che mamma mi sgamava sempre
dicendo che a lei lo aveva detto, che l’ha trovata sveglia
si sarà sbagliato coi biglietti.
Il nipotino invece già ha sgamato Babbo natale
che l’ultima volta è venuto su una specie di tagliaerba
altro che slitta
ed era piccolo e magro magro con gli elfi più grandi di lui.
Ma se ne sta zitto, per la sorellina che ancora crede
e perchè ricorda quanto sono stati belli gli anni prima.
Così stasera arriva ancora
arriverà un po’ prima, che c’è il coprifuoco,
poi tutti a casa.

Questo è

Dicono che l’ amore sia questo improvviso accelerare del cuore
questo scorrere veloce del sangue,
questo suo riempire vene e corpi cavernosi.
Ma non credo.

Allora forse è questo pensarla sempre,
questo vederla, in ogni luogo dove non c’è, senza volerlo.
Oppure questo accostarle il passo di nascosto,
questo ostinato portare nelle tasche quello che non è.
Ma neanche questo credo.

Poi un giorno ho sognato un luogo dove non c’era davvero,
neanche cercando non si vedeva
s’era alzata e se n’era andata.
Le tasche vuote, la paura forte,
non c’ erano altre strade che ripartivano da lì,
nessun altro luogo dove andare,
e in quel luogo senza lei non c’era niente altro.
Neanche gli angeli ad ascoltare o suggerire.
Il mondo finiva lì senza di lei.

E questo credo che sia.

Sogno viaggiatore

Ho con me un sogno viaggiante
gli lascio spazio per fermarsi qui
e qualche volta lo fa,
ma sembra che soffra,
come gli squali senz’ acqua..
allora riparte, cavalcando nuove fantasie e cieli azzurri.
Tornerà.
A volte ha profumo di pelle calda, tra lenzuola di lino,
altre di capelli al sole sull’ erba,
in un prato di narcisi e fiori di montagna,
mughetti e zafferano alpino.
Oggi profuma di Natale
muschio e candele
nella luce calda che entra dalle tende.
Mentre aspetto.

Manca poco, e tutti questi preparativi portano a antichi sogni di bambino
le vernici invisibili,
gli occhiali a raggi x, per vederti meglio
le radio allo strombolio di fragolosio
quelle che creano interferenze che bloccano le onde bugiardiche
e ti fanno dire la verità.
E molti altri sogni, così tanti e veloci che all’ ultimo non ricordo il primo.

Basta chiudere gli occhi e riappaiono volti e paesaggi,
basta premerli un pò coi pollici e si mischiano nuvole gialle in cieli rossi
e poi le oltrepassi fino ad arrivare alle stelle
e pianeti e anelli e ci sono soli gialli e verdi tutto intorno dai contorni sfavillanti
e la solita scritta, bianca e sfolgorante sullo sfondo rosso.

Quando riapri gli occhi la è ancora lì,
proiettata sul muro bianco,
e ti accorgi che, in negativo,
è un enorme fungo atomico in un cielo in fiamme.
E lo stai a guardare.
Poi l’ aria si riempe di schizzi
bianchi nel blu elettrico
e rosa mutevole al cobalto.
Vibrante.
Come ali di colibrì.
C’è un gran caldo,
nient’ altro.
Nemmeno Tu.
Nemmeno Io.
Solo un noi.

“ma come fanno gli angeli a volare in un cielo rosso rosso”

Duro sogno

Hai presente quando apri il gas, che il semaforo si fa verde
e una così non l’avevi mai messa sotto e vuoi proprio vedere fin dove arriva..
E lei risponde bene, tira fuori tutti i cavalli e schizza via veloce,
cantando in sol
e nell’ eccitazione quasi quasi ti diventa duro.
Poi ti accorgi che hai oltrepassato la piazza
e quattro incroci che neanche hai visto
e forse ti sei saltato anche uno stop
e il quasi quasi si sgonfia.

Oppure quando il vagoncino dell’ ottovolante arriva sulla cima del tendone
sparato da un cannone,
e resta lì fermo un attimo lunghissimo
mentre sul soffitto e negli occhi, girano pianeti e stelle che ti incantano
ma poi quell’attimo finisce, e cadi lungo i binari
e anche quell’ incanto svanisce.

Ma più ancora è quando le guardi il culo
ben fasciato streto nel suo abitino azzurro troppo corto
e mentre guardi si inchina
perchè lo sa che guardi
come sa cosa succede quando si inchina
e stai a guardare l’ azzurro farsi rosso di tanga..

Ecco, lì sì che si fa duro davvero.
Senza il quasi.
Non c’è moto o razzo che tenga il confronto.

Ma poi si alza e se ne va.
perchè lo sa cosa succede quando se ne va.