Notturno delle tre

…e passerà un lampione,
un muro, un ponte, un bar,
poi passerà anche me.

Annunci

Ad libitum

A me questa cosa che ti dicono che la morte non è niente mi fa incazzare ,

più di quelli che ti dicono che a me… mi… non è corretto

come se uno non lo sapesse, o come se a quest’ ètà uno se lo fosse scordato.

La morte è una cosa che ti cambia la vita.

E quella cosa poi del dietro l’ angolo, o nell’ altra stanza? Ma ci avete mai guardato?

Io sì, anche dietro le porte, nelle notti in cui la luna disegna le ombre sui muri entrando dalla finestra.

Tutto è come prima, ti dicono, ma niente lo è, e io e te non andremo più a farci una birra, o a pesca, o a funghi, sulle cime.

Che sei ovunque è vero, ma non dirmi di non piangere perchè lo voglio fare

e come scriviamo noi in fondo ai fogli, magari sotto l’ assolo finale

fino a che mi piace!!

20190928_151927

Metti che i miti scadano

Ricordi Lilith?

Quella che non voleva fare la missionaria e poi è partita per una missione..

chissà dov’ è ora

forse è invecchiata, con la pelle piena di rughe e piaghe che non si vedono dalle ombre che ancora proietta sui muri o tra gli alberi.

Un po’ come per Marilyn, sempre con la sua gonna alzata..

Forse non c’è nemmeno più, ed è solo luce che attraversa un’ immagine su lucido trasparente.

Un po’ come per Marilyn.

Forse non c’è nemmeno più la foto, ed è solo luce che arriva da lontano.

Relativamente lenta, finchè l’ ombra cade.

Come stella.

Silenzioso elettrico

Non sapevo più nulla di me
solo guardavo i prati
e i fiori gialli del trifoglio crescere tra l’ erba,
senza colpe.
Ne ho presi un paio.. da lasciare lì.
Poi qualcosa nella luce bianca che scontorna i massi grigi dei monti m’ ha portato sulle cime
a guardarli dall’ alto, insieme ai ciclamini.
Presto si faranno bianchi di silenzio i prati,
come questa macchina che scivola in un silenzio elettrico tra gli alberi, il cielo e le nuvole.
Al ritorno.

pasturo.jpg