Lei è sempre bella

Lei è sempre bella
from once upon a time to today
le basta un velo d’ olio rosso
leggero
per nascondere le rughe
e canta
e io sono tutte le mie età contemporaneamente
quando sto con lei.

(versione “desnuda”, senza corde.)

naked

Annunci

La gatta

Certo è una specie di magia accarezzare la gatta.

Ma la magia vera è guardarti accarezzare la gatta,

e sentire il pelo sotto le mani.

Primavera

https://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Poesia&Id=52747

 

La strada per i monti mostra primavere antiche sempre nuove

I rossi sfacciati

e i bianchi purissimi

i rosa timidi

e gli allegri gialli delle Ginestre.

I monti sono profili di giovinezza,

e primule tante,

i soliti due merletti neri saltellano

sulle gambette esili, tra l’ erba.

Sembra dicano alle betulle tutt’ attorno

ancora nude

è primavera!

Sì, adesso è primavera

fuori e dentro

anche le betulle si vestiranno presto

con l’ abito nuovo

e danzeranno, braccia al cielo,

se il vento vorrà.

SI RICORDA

sibillla5

Parte con il funambolare di rabbia e pietrisco

Fino alla comparsa stesa del sole

Sulla tesa del cappello con la bici che sganghera

Uscendo dalla cavedagna

Si sfoglia puntato al vento come crusca di carte sul cemento

La corsa traversa, il salto di un sasso

Non si ferma, uno stranio inatteso

disfunzione contigua ai pensieri

Gli pare d’essere col suo colmo di vita

Sulla montagna a prendere brividi

Tra una nuvola che lo annebbia

E la sua terra piana

Gli pare

E s’accorge di un mare d’ortica che stempera l’aria

l’aveva la borsa a tracolla

L’ufficio di via ferletti e la sposa.

Si ricorda dei fiori una volta

e il banco del pesce davanti alla porta.

21-3-19

View original post

Un vento di primavera (Rainer Maria RILKE)

Con questo vento viene destino; lascia,
lascia che venga tutto ciò che preme, cieco,
di cui noi arderemo -; tutto questo.
(E resta immobile perché ci trovi).
Porta il nostro destino questo vento.

Da chi sa dove questo vento nuovo,
sbandando sotto il peso di cose senza nome,
porta sul mare quello che noi siamo.

…Oh, se lo fossimo. Saremmo a casa.
(Vedremmo scendere e salire in noi i cieli).
Ma ogni volta con questo vento passa
il destino oltre di noi immenso.

Passeggiata notturna (Rainer Maria Rilke)

Niente è paragonabile.

Esiste forse cosa che non sia tutta sola con se stessa e indicibile?

Invano diamo nomi,

solo è dato accettare e accordarci che forse qua un lampo,

là uno sguardo ci abbia sfiorato,

come se proprio in questo consistesse vivere la nostra vita.

Chi si oppone perde la sua parte di mondo.

E chi troppo comprende manca l’incontro con l’Eterno.

A volte in notti grandi come questa siamo quasi fuor di pericolo,

in leggere parti uguali spartiti fra le stelle.

Immensa moltitudine.

20190320_184841

Un’ anima

https://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Poesia&Id=52727

 

E’ venuta a trovarci un giorno
non si sa perchè
nè quanto tempo rimarrà.
Forse è entrata dagli occhi,
come fa la gioia a volte
e la nostra casa ci è sembrata troppo piccola per contenerla
così che si allestiscono sempre nuove stanze,
per renderla accogliente,
perchè rimanga.

E ogni tanto si mostri.
Come una nuda primavera
nell’ abito fiorito di nuovo.

A volte parla come in sogno.
Chiede solo un prezzo da pagare.
Che l’ ami,
e la ricordi da sveglio.

 

20190315_101644