Anni fa ho incontrato un angelo

Anni fa ho incontrato un angelo
fu una notte,
e profumava di canzoni e giovinezza.
Non è sceso dal cielo
è sempre stato qui
su questa terra
nella via a fianco
e già lo cantavo dalla giovinezza.

 

                                                            Nella notte vidi lei
                                                              che senza dirmi nulla
                                                                 negli occhi mi guardò
                                                                    e poi mi prese per la mano

 

Quella notte però aprì la bocca
e dentro c’ erano le mie stelle
e il mio mondo,
il profumo delle mie notti mentre le guardavo,
i sogni di bambino si fecero di ragazzo

 

                                                                 Feci ciò che volle lei
                                                                   e corsi verso l’ alba
                                                                     fin quando ci fermò
                                                                       il primo raggio di sole

 

Arrivò davvero veloce l’ alba
correndo fra le stelle
ma nessun raggio di sole ci fermò più
volammo davvero nell’ azzurro immenso.

 

                                                                  Un volo di gabbiani
                                                                    in quell’ azzurro immenso
                                                                      cristalli colorati
                                                                         intorno alle mie mani
                                                                          e lei stringeva me.

 

Oggi è ancora qui
sono solo più stanco gli dico
e ho un po’ più sonno la notte
e correre tra le stelle è un sogno
ma sei ancora qui gli dico
profumi ancora di canzoni e giovinezza.

Profumi di acqua lacustre quando vado al lago
Profumi di resina e eriche al sole se salgo ai monti
La notte profumi di cotone caldo sulla pelle
e seno da latte,
di pelle di bimbo quando abbraccio i nipotini,
di pelle di donna a volte
e di sesso anche
che non è vero che gli angeli non l’ hanno.
Profumi di tutto ormai
di shampo, bagnoschiuma,
di luce e di buio
di eterno desiderio.
E dei sorrisi che incendi.

                                                                    Improvvisamente lei
                                                                      in questo mio sorriso
                                                                        che è nato insieme a lei
                                                                           col primo raggio d’ amore

 

Basterebbe un verso

Basterebbe un verso
che scenda lungo la curva dei monti
come un falchetto
e volteggi in cerchi concentrici
giù verso il lago.

Basterebbe un verso
così forte che da qua si senta
e mi porti a lui a volteggiare
a veder le barche
la linea obliqua della funicolare
affondare nel lago.
Ci sono spiaggie e famiglie al bagno
bimbi che pescano o nuotano.
Tetti e vie dritte che li tagliano.
La casa amata.

Basterebbe un verso
che si getti a capofitto nella casa amata
fino all’ odore di legna,
di carbone e legna per la stufa
fino al caldo dell’ acqua nel mastello
e al calore delle mani.

Basterebbe un verso
per dormire ancora su quel seno
sereno
con nelle orecchie un canto
e una voce.

Basterebbe un verso
e nessuno potrebbe dire quanti anni ho lì
o nel grande giardino segreto
dove giocavano le farfalle coi bruchipalla
dove sotto ogni sasso c’ era un tesoro
e il sole giocava tra i rami
con me.

Basterebbe un verso
ma non son buono
e gli anni qui si sanno,
porteranno presto quel verso nel vento.

barche

Evoluzioni

Gas!

L’ aereo iniziò a rollare sull’ erba appena tagliata.

Prese subito velocità, facile con quel rapporto di potenza – peso.
Un leggero tocco alla leva del piano di coda e l’ aereo iniziò a salire, lentamente.
Poi, con un brusco movimento del pollice sulla leva l’ aereo si impennò puntando dritto al cielo.
L’ altra leva, per gli alettoni, a destra per iniziare a volteggiare, avvitandosi nel cielo azzurro.
Pareva danzasse, piroettando, guardarlo da terra era uno spettacolo.
Il rivestimento delle ali, come braccia aperte, teso e lucido brillava al sole e l’ aereo lasciava una scia di fumo, di olio di ricino, di bianco.

Prima che stalli devi portarlo in posizione orizzontale, capovolgerlo manovrando gli alettoni e allora lo stesso movimento del piano di coda che l’ aveva fatto salire lo manda in picchiata.
Pochi metri, tanto per aquistare velocità e tornare a risalire verso il cielo con più potenza.
Arrivò quasi a sparire, era un puntino alla vista, nel cielo, prima dello stallo.
Il piano di coda e il timone giocavano insieme per mantenere l’ aereo fermo, in equilibrio, in piedi, dritto in mezzo al cielo.

Decidi tu quando portare il motore al minimo, puntare l’ aereo a terra e cadere con la gravità.
Decidi tu quando portare gli alettoni a destra e il timone di coda a sinistra per iniziare un avvitamento lento, apparentemente sgraziato e incontrollato dal quale l’ aereo non ne esce, neanche riportando i comandi a zero.

Ma non c’ era da preoccuparsi, l’ aveva fatto altre volte, al momento giusto e con un colpo d’ acceleratore l’ aereo ripunta dritto a terra, avanza tempo e spazio per portarlo in orizzontale, in direzione della pista, oltrepassare gli alberi e iniziare la discesa per l’ atterraggio…

Dalla sua postazione, immobile nel letto, lei guardava da dietro le palpebre chiuse, tutte queste evoluzioni che lui le raccontava, immaginava l’ azzurro e il giallo, il rosso brillante delle ali sopra gli alberi in fondo alla pista, e poi la discesa nel verde.

Lui ne era sicuro, di quando in quando gli sembrava di scorgere un sorriso , (e il sorriso di mamma era davvero bello)  così ricominciava…

Gas! E l’ aereo ripartì rollando sull’ erba verde…