I sogni di un bambino

Vieni giù dal pero, mi dicevano sempre
stai sempre con la testa tra le nuvole
sempre in un mondo a parte a “parlar con gli angeli”
Però era un mondo di sogni in cui mi perdevo.
______________Nei miei sogni, i sogni di un bambino
______________do sol fa do
______________vedo tante, tante stelle intorno a me
______________ sol fa do
E ancora canto dall’ alto del mio pero
Perchè fin quando canto
quel mondo non sembra meno vero.
Capita anche con ogni libro, ogni poesia, ogni quadro
di scordare un attimo questo mondo un po’ a soqquadro.
______________ah questo sogno, mi porta lassù
______________do fa do sol
______________fra di loro, stelle del ciel
______________ do sol fa do

Anghelos – Piero Marras

Angeli che cantate al chiarore della luna
figli di donne morte di parto, madri senza fortuna
fateci entrare in quella stanza
dove gli anni ritornano lentamente
Anime dei grandi dimenticati
voci dei compagni sventurati
fate che la gente non sia in guerra
e si senta solo suono di pace in terra.
C’è una stella dietro questo cielo
che prova grande vergogna a farsi vedere
questa piccola stella nelle notti di gelo
esce allo scoperto luminosa e ci fa giorno.
Angeli che cantate al chiarore della luna
fiori di questo cielo color prugna
fate che ritorni il tempo in cui
questa terra era una voce sola.
C’è una stella dietro questo cielo
che prova grande vergogna a farsi vedere
questa piccola stella nelle notti di gelo
esce allo scoperto luminosa e ci fa giorno.
Angeli che cantate al chiarore della luna
figli di donne morte di parto, madri senza fortuna
fateci cantare a voce spiegata
che la voce arrivi subito in cielo e sia la più alta.
***********