Nulla è cambiato

Certo che una volta mi attiravano le donne più grandi

erano una delle tante fantasie

tipo quelle sulla cinquantina

con un corpo che fatica a stare nei vestiti.

Oggi invece mi attirano quelle più piccole

tipo quelle sulla cinquantina

con un corpo che fatica a stare nei vestiti.

Ho ancora le stesse fantasie.

Routine mattutina

http://www.larecherche.it/testo.asp?Id=48920&Tabella=Poesia

Ti guardo
seduta al tavolo della cucina,
fumi,
mentre fumo una sigaretta
e l’ aroma di caffè riempie la stanza
la luce filtra dalle tende.

Ti dico che nevica
siamo già a marzo e ancora nevica
e il freddo è forte
e poi altre banali cose quotidiane.

Inzuppo il biscotto
e non so dirti se è più dolce il caffè o tu che lo bevi.
Allora mi alzo
per una carezza a spostarti un po’ la maglietta
per darti un bacio sul collo,
c’è un posto fatto apposta
appena sopra i seni
tra i quali poi è dolce scivolare.

Il freddo è fuori
possiamo aspettare a uscire,
intanto ti bacio dappertutto.

Come fossi lì.

Immagine Francine Van Hove

IMG_20170722_091825_385

Nella

Lo so, non é il vero nome
ma il suo non lo ricordo
e Nella è il più bel nome al mondo.

Per me.

Era la mascotte della tana dei lupi
in quel di Ugovizza.

La trovavi sdraiata ai bordi della grande fontana
la notte,
al centro del cortile,
non s’è mai trovato da dove entrasse
o forse scavalcava il muro
in qualche punto senza filo spinato
ma non c’era quel punto.

In realtà non ricordo neanche se fosse davvero una fontana,
vedi come il tempo inventa i ricordi?
ma ricordo che ci si poteva sedere attorno.
Nella era un grande pastore di chissà quale razza
(inventerei anche quella)
e era bianca, come la neve, di pelo folto.

Ti guardava passeggiare
avanti e indietro
all’ erta per chissà quale nemico, e chissà cosa pensava.
Un metro era la distanza minima consentita
oltre s’ alzava, e si spostava un poco più in là.

Le notti a Ugovizza sanno cos’è il freddo
l’aria e le stelle però sanno farlo dimenticare
e le stesse stelle sanno anche mostrarti un lago in un piccolo angolo di cielo sgombro.

Lei lo sapeva,
credo leggesse nel pensiero,
se ti sedevi al bordo della fontana
scordando un attimo il nemico e il freddo
preso nelle onde del lago
lei arrivava
e appoggiava il muso sulle ginocchia
per una carezza.

E c’era un gran silenzio attorno e una gran pace nel cuore
come in riva al lago di notte, sotto le stelle.

Questa non è una poesia

Quando iniziò la musica
alla festa di Maria Ausiliatrice,
nel piccolo cottolengo,
lei era lì,
proprio davanti al palco.

Non ha fatto molta strada per venire a sentirci, lei abita lì,
vederci non so,
stava con gli occhi fissi al cielo
a bordo della sua sedia spaziale.

Solo un leggero sorriso sulle labbra
e un leggero movimento del piede
a tempo
rivelava l’ ascolto.
Non ha mai smesso.

Fino alla fine del concerto.

WP_20150602_057

E’ facile non notarla

Non è come un colpo di clackson improvviso
quando ti volti a guardare
e fai un salto indietro
per la macchina che sta arrivando veloce.
Neanche come una nota stonata nel bel mezzo dell’ assolo
che correggi tirando un po’ la corda col dito
per farla sembrare un passaggio voluto.
E neanche le braccia mancanti alla Venere
quelle si vedono bene.

E’ qualcosa nell’ aria,
sempre presente
e prende forma col sole,
entra dai fori delle tapparelle non ancora alzate
o si fa visibile sotto due fotoelettriche
ai lati del palco
in una sera d’ estate.
Prende la forma di quello che ami
e tu è solo quello che vuoi vedere,
quello che ami.
E’ qualcosa che sa ricostruire le braccia alla Venere.

venerecirene

Portante acustica

Mamma naviga su una portante acustica
a modem spento.
Una portante direttamente infilata nell’ orecchio
come un sibilo a 3000 hertz.
Devono avere computer avanzatissimi lassù
da milioni di megahertz al microsecondo
il suo avrà per tastiera un prato verde
e per tasti margherite.
Per hardisk una torta di mele appena sfornata.
E il monitor è proprio qui, dietro le palpebre chiuse
Immagini, scritte e suoni appaiono in finestre velocissime.
Più vite al secondo.
Lancia messaggi a tutti
perchè me li vengano a dire.

Non fare tardi..

In frasi banalissime per tutti.

Ti ho lasciato una fetta di torta in frigo.

Certo anche “non ti voglio più bene” o “sei una delusione” è tra quei messaggi.

Ma i computer, si sa, sbagliano.

Chi vi stirerà le camicie?

Fai il bravo.

Anni fa ho incontrato un angelo

Anni fa ho incontrato un angelo
fu una notte,
e profumava di canzoni e giovinezza.
Non è sceso dal cielo
è sempre stato qui
su questa terra
nella via a fianco
e già lo cantavo dalla giovinezza.

 

                                                            Nella notte vidi lei
                                                              che senza dirmi nulla
                                                                 negli occhi mi guardò
                                                                    e poi mi prese per la mano

 

Quella notte però aprì la bocca
e dentro c’ erano le mie stelle
e il mio mondo,
il profumo delle mie notti mentre le guardavo,
i sogni di bambino si fecero di ragazzo

 

                                                                 Feci ciò che volle lei
                                                                   e corsi verso l’ alba
                                                                     fin quando ci fermò
                                                                       il primo raggio di sole

 

Arrivò davvero veloce l’ alba
correndo fra le stelle
ma nessun raggio di sole ci fermò più
volammo davvero nell’ azzurro immenso.

 

                                                                  Un volo di gabbiani
                                                                    in quell’ azzurro immenso
                                                                      cristalli colorati
                                                                         intorno alle mie mani
                                                                          e lei stringeva me.

 

Oggi è ancora qui
sono solo più stanco gli dico
e ho un po’ più sonno la notte
e correre tra le stelle è un sogno
ma sei ancora qui gli dico
profumi ancora di canzoni e giovinezza.

Profumi di acqua lacustre quando vado al lago
Profumi di resina e eriche al sole se salgo ai monti
La notte profumi di cotone caldo sulla pelle
e seno da latte,
di pelle di bimbo quando abbraccio i nipotini,
di pelle di donna a volte
e di sesso anche
che non è vero che gli angeli non l’ hanno.
Profumi di tutto ormai
di shampo, bagnoschiuma,
di luce e di buio
di eterno desiderio.
E dei sorrisi che incendi.

                                                                    Improvvisamente lei
                                                                      in questo mio sorriso
                                                                        che è nato insieme a lei
                                                                           col primo raggio d’ amore

 

Non aprire gli occhi

Non aprire gli occhi
non è qui,
il profumo che senti
è solo l’ Airwick
che dalla sua mensola spara fragranze di fiori
ogni mezz’ ora.
Non aprire gli occhi
e sarà come fosse qui
nel sogno puoi tenerle la mano
accompagnarla sullo stesso sesso,
caldo di desiderio .

Non aprire gli occhi
gli occhi ingannano
e ti diranno che non è vero niente.

Intanto qui c’è il suo sogno, vero,
che vuole essere sognato,
solido e duro.

(foto Gianluca Fontana)

GianlucaFontana

Un attimo

E’ stato solo un attimo,
una piccola meraviglia
quando uscisti dalla doccia
passando davanti alla finestra
ela luce infiammò i contorni.
Le goccioline brillavano
nell’ aria piena di puntini leggeri
il pensiero ammutolì.
E’ stato solo un attimo
solo una piccola meraviglia mai svanita.
Impressa dalla luce.

Quando poi aprì le cosce
anche il mondo sparì d’ improvviso
stupefatto, nella sua ferita.
Restò solo quell’ attimo
spalancato
feroce e dolce,
di lacerante bellezza.

Immagine Alvin Booth

AlvinBooth1