Dickinson – poesie

J519 (1862)

Era caldo – dapprima – come Noi –
Poi vi si insinuò
Un Senso di Gelo – come brina su un Vetro –
Finché tutta la scena – scomparve –

La Fronte copiò la Pietra –
Le Dita divennero troppo fredde
Per dolere – e come il Ruscello del Pattinatore –
Gli occhi indaffarati – congelarono –

Si irrigidì – e fu tutto –
Affastellò Freddo su Freddo –
Moltiplicò l’indifferenza –
Come se solo l’Orgoglio gli restasse –

E anche quando con le Corde –
Fu calato, come un Carico –
Non diede alcun Segno, né si oppose,
Ma cadde come un Diamante.

Traduzione di Giuseppe Ierolli

Dickinson – poesie

J518 (1862)

Il suo dolce Peso sul mio Cuore una Notte
Si era appena degnato di giacere –
Quando, trasalendo, per la gioia del Credere,
La mia Sposa sgusciò via –

Se fu un Sogno – divenuto concreto – giusto
Il Cielo a confermare –
O se Io mi fossi sognata di Lei –
Il potere di saperlo –

A Lui resta – che a Me –
Diede – così come a Tutti –
Una Finzione che sopravanzava la Fede –
Di tanto – quanto era reale –

Traduzione di Giuseppe Ierolli

Dickinson – poesie

J517 (1862)

Si stacca – come le Foglie –
E poi – si chiude –
Poi si ferma sul Berretto
Di un Ranuncolo Qualsiasi-

E poi corre incontro
E rovescia una Rosa –
E poi non fa Nulla –
Poi su una Vela maestra – se ne va –

E dondola come Pulviscolo
Sospeso nel Meriggio –
Incerto – se tornare Disotto –
O sistemarsi sulla Luna –

Cosa avvenga di Lui – la Notte –
Il privilegio di dirlo
È limitato dall’Ignoranza –
Cosa avvenga di Lui – il Giorno in cui –

Il Gelo – s’impossessa del Mondo –
In Segreti Scrigni – si rivela –
Un Sepolcro di bizzarra Lanugine
Un’Abbazia – un Bozzolo –

Traduzione di Giuseppe Ierolli