Stelutis alpinis

Composta a Firenze, da un maestro di Pontebba, quando Pontebba era sotto l’ occupazione Austriaca.

 “sottovoce

«Se tu vens ca su ta’ cretis,      | «Se tu vieni quassù tra le rocce,
là che lôr mi àn soterât,           | laddove mi hanno sepolto,
al è un splaz plen di stelutis:  | c’è uno spiazzo pieno di stelle alpine:
dal gno sanc ‘l è stât bagnât.   | dal mio sangue è stato bagnato.

Par segnâl une crosute            | Come segno una piccola croce
je sculpide lì tal cret:                | è scolpita lì nella roccia:
fra chês stelis nas l’arbute,     | fra quelle stelle nasce l’erbetta,
sot di lôr jo duâr cuièt.            | sotto di loro io dormo sereno

Cjol sù, cjol une stelute:          | Cogli cogli una piccola stella:
je a ricuart dal nestri ben,     | a ricordo del nostro amore.
tu i darâs ‘ne bussadute,        | Dalle un bacio,
e po platile tal sen.                  | e poi nascondila in seno.

Cuant che a cjase tu sês sole | Quando a casa tu sei sola
e di cûr tu preis par me,        | e di cuore preghi per me
il gno spirt atôr ti svole:         | il mio spirito ti aleggia intorno
jo e la stele o sin cun te.         | io e la stella siamo con te.

..poi ci sono due quartine apocrife aggiunte dopo forse per farla più “patriottica”
ma sono pure brutte e per fortuna non le hanno aggiunte alle canzoni..

Ma una dî, cuant che la vuere  | Ma un giorno quando la guerra
a sarâ un lontân ricuârt,           | sarà un lontano ricordo,
tâl to cûr dulâ che iere               | nel tuo cuore dove lei era
stele e amôr, dut sarâ muârt.   | stella e amore, tutto sarà morto.

Restarâ par me che stele            | Resterà per me quella stella,
che il miô sanc al â nudrît,        | che il mio sangue ha nutrito,
per che lûsi simpri biele            | perchè illumini sempre bella
su l’Italie e l’infinît»                    | sull’Italia e l’infinito»
(Stelutis alpinis)

Rose..

Rosa ballerina
Rosa bambina
Rosa carezzata

Ombra immaginata


 

Passa una barca di legno di rosa
che arriva al mattino e porta già la sposa
e la sposa bella quasi come in una favola
bambini giù dal letto, bambini tutti a tavola
che il tempo tac, il tempo non ci aspetta,
il tempo tac, non ci rispetta..


 

Rosa che dormi al mattino
e venirti vicino non oso
rosa che insegni il destino
alla sposa e allo sposo..

non perdermi mai


 

Bianca come le nuvole di lontano
Gialla come la febbre che mi consuma
Rosa come un romanzo di poca cosa

Come la spina che al cuore si avvicina
rossa così è la rosa che porto a te
perfetta dal dolore..


 

Questa non è su un fiore, ma non posso non metterla