Segrete stanze

https://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Poesia&Id=58282

 

Questo è già stato scritto:

“Apriranno i cancelli
e potremo toccare le rose
allora anche noi saremo rose
con stelo e foglie e petali e linfa.”
Così è certo:
Apriranno i cancelli
arriveremo ai laghi silenziosi
laghi nascosti tra i monti
o proprio al centro di un bosco
e ci sdraieremo alla riva
tra le pietre
e saremo pietre baciate dal sole
ci staremo fino allo spuntare delle stelle
e poi la rugiada ci coprirà gli occhi
e potremo berne.
Saranno verdi intensi al risveglio
e azzurri, e erba che ci copre e fiori
e alberi che ci guardano vivere.

L’impossibile sarà scordare i cancelli
i cancelli da dove si vedevano le rose morire di solitudine
i cancelli dietro i quali si morirebbe di solitudine
se non ci fossero stanze segrete
dette fantasia, o poesia, o come volete
dalle cui finestre si vedono già i laghi bianchi del silenzio.

bianchi

Aria d’aprile

E’ questo che faceva il sole?

Non quella cosa di scaldare la pelle

o scurirla,

e l’ho sentito stamattina, andando al tabacchi

nell’ aria fresca d’aprile che dà voce alle foglie

-ma attenti a non prenderne troppa e ben filtrata-.

E’ come un richiamo, il canto del sole

che fa rinverdire le foglie e crescere i fiori

un richiamo verso dove hai radici

e non è mai un luogo.

Loro sì le hanno, i fiori, e chiamano, pieni di sole

è dove cantano dei fiori, quello è il luogo

ma qui si sta legati all’ albero maestro.

Vedi come possono mancare,tremendi, i fiori?

20180628_142057

20190811_125104

20190526_154844

(foto mie)

Color

mamma4

 

Forse se gli aggiungo un po’ di verde,
che gli alberi là in fondo devono essere stati verdi,
e un po’ d’azzurro per il cielo.
Che l’azzurro è del cielo.
Il campo ancora verde
ma con riflessi di giallo,
le scarpine bianche,
come la camicia,
che è prerogativa delle camicie essere bianche.
In mano non so cos’ha
ma il grigiazzurro della giacchina è un ricordo.
Io forse non c’ero ancora
ma mi si vede bene.
Sono quello che mette i colori.

mamma4 colori