I sognatori sulle rive

Sem chi a ciapà un pù d’aria buna
è l’alibi dei sognatori sulle rive
quasi avessero pudore dei pensieri
che nascono sulla pelle sottile dell’acqua.
Sem chi a ciapà un pù d’aria buna
e intanto fumano, sigarette e desideri
guardando verso l’ultimo sole
sole che resta ancora un po’
e che trapassa i rami per far brillar le onde
mentre altre cose invece piano svaniscono nell’ombra.
Sem chi a ciapà un pù d’aria buna
e non sembrano nemmeno lì
confusi nell’oro che splende sopra il lago
ascoltano profumi, annusano silenzi
nell’ora muta delle fate.
Sem chi a ciapà un pù d’aria buna
e tu lo sai che non è così
perchè nemmeno tu sei lì
sulla pelle del lago schiene e seni inarcati al cielo
mani accarezzanti la pelle nuda
il bosco attorno capovolto e capovolte le radici, come gambe al cielo.
E proprio mentre guardi, quella che hai sognato ieri
quella che pensavi non tornasse più
invece è proprio lì dentro ai tuoi occhi
cavalca ancora il suo unicorno e sogna forte i sogni miei
sogni che conosce bene, e per questo viene.
Poi fruga con le dita tra le cose sue più intime e segrete
tra le mille scatole di ricordi ancora da venire
per trovarne uno che ho già sognato
come una piccola chiave, di quella botola segreta
dove passa l’unicorno rosso
proprio al centro della gioia.
Eppure sembriamo qui solo a prendere un po’ d’aria buona.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...