Aria dicembrina

Che strano,
l’ aria stamattina qui sa di mattine di dicembre antiche,
fermo sull’attenti nel cortile di una caserma a Chiusaforte
spaesato e spettinato dal vento gelido di Tarvisio che seccava la valle.
Gli occhi al Fella che scorreva in piccole rapide verso casa
fiume che faceva sognare un ritorno seppur lontano.

Eppure è la stessa aria dicembrina che là in quel cortile sapeva di mattine casalinghe
quando si stava a guardare il Cosia sfociare nel lago
a cavalcioni su qualche muretto aspettando che qualcosa abbocchi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...