Le solite storie

Perchè chi mai vuole che il protagonista, l’eroe di tutte le storie, muoia?
Lui parte da casa, speranzoso, un giorno, motivato o no
a cercar sè stesso, o a salvar qualcuno
o semplicemente a cambiar minestra, per non saltar dalla finestra.
Incontra mille difficoltà nel cammino
tipo un bosco di spine, pioggia, grandine e vento
o una sirena in mezzo al lago, in una notte buia e tempestosa, che se lo vuol mangiare.
Di solito ha con sè un dono, qualcosa di magico che tiene nel taschino, per vincere tutte le difficoltà
ma l’ultima spina di quel bosco glie l’ha strappato e ha perso il dono
così torna verso quel bosco di spine ma ci trova un guardiano
che abbia un occhio o cento o due belle tette non importa
lui combatte e vince.. chi vuole mai che non vinca?
Alla fine fa anche ritorno a casa
dove trova l’amore e la felicità
o altre difficoltà, che nelle storie ci stanno sempre bene
tipo che compra un gratta e vinci miliardario
e lo butta senza grattarlo, così deve ripartire alla ricerca di dove l’ha buttato
ma c’è una sirena in mezzo al lago
e guardiani sulle rive
e lui ormai è stanco.

2 pensieri riguardo “Le solite storie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...