Abitudine

E’ un’abitudine il cammino, un vizio
sentire la ghiaia sotto i piedi, o le foglie
lasciare orme e tracce e segni
un tacco perso da una scarpa troppo cittadina
-che non era previsto salire così in alto-
e poi trovarli al ritorno.
E poi è un’abitudine chiedere alle Madonne delle chiesette alpine, o alle edicolanti lungo il cammino
se lassù c’è un luogo dove si stia bene,in pace
un luogo dove lei non sia tormento.
Non rispondono mai ma poi il sentiero si traccia di gigli giganteschi
e varchi tra le piante che mostrano prati fioriti sotto un cielo bianco di luce
non è lì il luogo, lì puoi fermarti un poco a riposare
e lei non ti lascia mai.
E’ un’abitudine il suo non lasciarmi mai,
il suo accostarmi il cammino sempre.
E sempre è una parola tormentosa
come un’abitudine al cammino verso un luogo che non c’è
come se io fossi il suo luogo e lei il mio
ma lei non c’è.
E’ qui come quei gigli ma già sfiorita altrove.

Un pensiero riguardo “Abitudine

  1. L’abitudine accompagna i nostri passi di vita, e rappresenta una fedele compagna che non tradisce mai le nostre aspettative, soprattutto quelle in seno alla natura, lasciando, al contrario, dei vuoti, in immagini del passato…
    Poesia apprezzata.
    Buna domenica e un sorriso, Franco,silvia

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...