Vita sospesa

Aveva capelli neri e occhi furbissimi.
e non ne ricordo il nome.
Se lo ricordo ancora doveva essere davvero speciale
aveva lacrime invisibili sospese e ferme sulle guancie
e occhi grandi come le finestre della sua città
città sospesa, dove il vento sbatteva le imposte delle case
come palbebre attonite sulla strada.
Case non più casa e neanche altrove, vita sospesa.
Non so la vera storia, ero troppo piccolo
ma ora voglio credere che sbarcò ad Ancona
e che il suo treno a Bologna non si potè fermare
nè a Parma e nemmeno più in su
a Como ne arrivarono più di 800 come lui.
Per tutti era “il figlio della Jugoslava”,
ma era proprio come me
e abbiamo fatto un pezzo di strada insieme
coi nostri cuori piccoli.

Fummo bimbi Speciali.
Non ricordo altro,
poi ci siamo persi.

4 pensieri riguardo “Vita sospesa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...