Salirò ancora

Posteggerò la bici sotto la mia linea obliqua che sale e salirò
trainato da una fune di radici intrecciate e antiche,
fino agli angeli scintillanti sul frontespizio,
fino alla piazza da dove partono i sentieri.
Cercherò i ciclamini, e i narcisi al grande prato, che so essere una vasta distesa
o forse no, e troverò nuovi sentieri, seguendo scale di pietre
e nuovi luoghi, altrettanto immensi.

Se arriverò dove non si può più salire guarderò in alto,
al sole tra tutto il bianco delle nuvole e salirò ancora se mi prenderà per mano.
Sotto si vedrà il lago brillare, e la bici minuscola e argentata in attesa
come una cartolina che profuma di lago, e d’erba e di legna al fuoco nelle case.
Qualcosa nelle sfumature, o nella mano vuota dirà poi quando è l’ora di tornare.

Un pensiero riguardo “Salirò ancora

  1. Un fantastico volo nelle alture del cielo, nel quale intravedere distese di fiori, o nuovi sentieri, mentre al di sotto tutto apparirà rimpicciolito come in una cartolina illustrata, ove tornare quando lo dirà il cuore…
    Originalissima questa tua e molto apprezzata
    Buon pomeriggio, Franco,silvia

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...