Venere

Inclinò la testa a destra, o a sinistra, non ricordo
e fu sguardo dolce, di bambina
di una tenera e matura età.
C’era un profumo di ginestra, o di rosa, non ricordo
come un olio sulla pelle
di una venere senza età.

Questa è la guerra che dicevo
tra quel che è stato e quel che mai sarà
quando alzerà la testa fiera
e nel buio della bocca una scandalosa lingua mostrerà.
Questa è la guerra che dicevo
tra una venere morente e quella che rinascerà.

3 pensieri riguardo “Venere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...