Il costruttore di frecce

C’era una volta in fondo a una grande discesa da dove i bimbi scendevano su grandi carri di legno e cuscinetti d’acciaio una città.
Oh, certo che si sbucciavano ogni tanto ma era quasi un vanto e poi in quella città ci abitava un’infermiera miracolosa che con due baci guariva i dolori.
Era una città murata e stesa sulle rive di un lago sulle cui rive sorgevano castelli, e castellane che ti accoglievano nei giorni di pioggia.
Era incastonata tra i monti e sulle cime piccoli indianini lanciavano frecce agli alberi e correvano sulle grandi praterie di narcisi.
Da quelle cime partivano i falchetti che scendevano a lago a salutare i cigni e gli ospiti della castellana.
Ci abitava anche il costruttore di frecce, il suonatore di fili d’erba e scalatore di rocce che sognava un piccolo indianino che lanciava frecce agli alberi.
Lui e la sua regina infermiera,
Lo riconoscereste ovunque, anche steso sul pavimento del bagno con la barba mezza fatta che qualcun altro finirà,
aveva gli occhi pieni d’acqua, come i miei, e sulle rive sapeva farsi albero silenzioso,
restava solo un suono, d’armonica, che ancora si sente.

3 pensieri riguardo “Il costruttore di frecce

  1. Un brano delicato, e molto significativo, che rende speciale una persona, che con le sue “silenziose frecce”, sa rendere unici e armoniosi momenti di vita….
    Fra fantasia, e realtà, ho apprezzato molto questo tuo racconto
    Un sorriso, Franco,silvia

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...