Brughiera

Le mattine di novembre è così
si sveglia piano, la brughiera di mattina
tutta bagnata di rugiada e nebbia
penetrata nel profondo da un sole che non riesce mai ad asciugarla
intanto lei estrae lingue di nebbia e le infila tra gli alberi
e gli alberi sembrano tristi, così spogli e nudi
come la brughiera.
Ma non è vero
sono solo lontani nella memoria
e nella memoria li canto
perchè io sto guardando il parcheggio dell’ Iper
e i suoi lampioni spogli.
Lei è solo lì, e sta
e lascia che il mattino la inondi
e non è che ti aspetta ma chiama
e non ci puoi andare.
Farò un’ autocertificazione ad hoc nel pomeriggio:
“Il mondo è ancora bello.”
E ci devo andare.

9 pensieri riguardo “Brughiera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...