Tempesta

E sempre si calmano le tempeste
e un giorno glie lo dirò
che era proprio lei, quello scurirsi del cielo
quell’aprirsi in vortici di colore rosso
quelle due nuvole bianche e grandi, rimaste fuori
ma ancora per poco.

Un giorno glie lo dirò
che prendo il mio stendardo
lo agito contro il cielo, come fosse il corno
dell’unicorno degli arcobaleni
e lo infilo tra le nuvole, che vorrebbero svanire
finchè ritorna il blu.

Sì,
un giorno glie lo dirò
che è così che calmo le tempeste
anche se glie l’ho detto già.

7 pensieri riguardo “Tempesta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...