Della morte e i suoi inganni

Pochi gli incontri con lei,
da giovane neanche ci fai caso,
passa quasi inosservata.
Poi un giorno ti ferma a un angolo e si presenta,
ti presenta un parente, o un amico,
Giorgio, o Roberto o Adriano.

Te li mostra tenendoli tra le braccia,
freddi e bianchi, come se se li fosse presi lei.
e tu li guardi, e li tocchi..
è vero sono proprio freddi e bianchi
e allora li scuoti, e li pizzichi,
li chiami ma loro niente,
nessuna risposta.
Roberto avrebbe detto oh, che cazzo fai pizzichi?
Giorgio m’ avrebbe anche mandato affanculo..
e gli avrei detto che non sarebbe poi stato tanto male, con sua sorella..
e qui di sicuro m’ avrebbe dato un pugno.

Qualunque cosa Lei abbia tra le braccia, non sono loro.
Loro non ci sono più in quei corpi.
Lei non ha niente di loro tra le braccia.

Quello che piangi è proprio questo,
non sapere dove sono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...