Canzone

https://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Poesia&Id=52979

Pedalavo sulla ciclabile dei fiori
e pensavo a tutti quei cantati amori
pedalavo verso non so dove senza meta
che così si va, cercando un segno, una cometa.
Son arrivato a un paio di constatazioni
pensando a tutti quei poeti cantar le muse
forse il poeta è uno testardo come un mulo
forse mi avevan solo preso per il culo.

E girano le ruote girano sulla ciclabile
girano come le palle di quell’ Annibale
girano le ruote girano come la vita
e al ritorno poi questa discesa sarà salita.

————————–zan zan! (strumentale opzionale Sol Do)

Dunque dicevo ho svoltato un pò più avanti, non so dove
in quella strada che va verso, non so dove
ma si vedevano all’ orizzonte le montagne
tutte imbiancate di neve e zafferano.
——————————————————-Zafferano? (in coro)
——————————————————-Sì, zafferano alpino, non vedi?
Ma quali fiori, quali amori, quali colori
se non li vedi tu son solo cose, senza sapori.

E girano le ruote girano sulla ciclabile
il sole rende l’ aria un po’ più amabile
le muse forse non son propense a darla via
e questa è solo una canzone da osteria.

Zan zan! (come prima)

Adesso credo che sia proprio l’ ora di tornare
la batteria è in rosso e ho poca autonomia
le cime possono anche aspettare
le muse anche tanto le trovi sempre sulla via.
Però so dove stanno i prati dello zafferano
posso vederli anche dopo, da casa, da lontano.

zafferano-alpino-crocus-albiflorus-1

Un pensiero riguardo “Canzone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...