Incontro, una notte al bosco

C’ era solo la luna sul bosco quella notte,
e io sotto, di guardia.
Tutti dormivano.
Guardia a cosa poi non l’ ho mai capito
ma bisognava stare all’ erta,
per un improbabile chi va là,
un fermo o.. non avrei mai sparato
e mancava ancora qualche ora per andare a riscaldarsi.

La luna illuminava l’ aria
i pulviscoli di neve brillavano
freddissimi e pungenti tra gli alberi,
creando una nebbia bianca sulla stradina sterrata per la polveriera,
proprio in mezzo al bosco.

Non c’era un suono,
solo freddo e male alle dita per il fucile gelato.

Lui e’ apparso all’ improvviso
da destra, grande, fiero, spezzando un ramo,
così l’ ho sentito e visto.
Dev’ essermi sfuggito di bocca lo stupore
e così lui ha sentito e visto me.
Si è fermato,
è indietreggiato un passo,
come a rimandare il suo cerbiatto nel bosco,
ma lui no.
Lui è rimasto a guardarmi,
mentre io guardavo lui.
Ero armato,
e lui li doveva conoscere bene i fucili
ma non se ne andava.
/Non aver paura/ pensavo,
e intanto non so cosa pensasse lui
ma forse ha sentito i miei
il silenzio sembrava più fondo
e il tempo un’ eternità,
poi ha traversato con calma la stradina col suo cerbiatto
ed è sparito nel bosco.

Verso chissà dove.
E’ durato un’ eternità
ma all’ orologio mancava sempre qualche ora per andare a riscaldarsi.

 

2neve

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...