Il doppio cuore custodito nella pancia

amina narimi

– Viene piena di profumo una famiglia
se ci abbassiamo adagio con la sera
le palpebre che entrano nei sogni,
bisbigliando siamo salvi, al posto giusto,
mondi ancora insieme. Siamo casa,
tra il respiro più pulito che conosco,
che nell’ordine fa crescere le rose,
nel riandare col sorriso verso il centro,
dal grembo luminoso che hai dischiuso
alle nostre ginocchia coronate-

È così che mi portavi dentro maggio,
come un’alba che si leva tra i colori
delle bacche di ginepro e di lillà.
Nina- mi dicevi, col tuo corpo-
quando vai a fare i fiori sulla rupe
apri tutto il grembo, lentamente,
all’amorosa ondata sul tuo seno-
in montagna c’è più tempo per le rose
mentre al mare il tempo è un passalento.

Quell’isola di luce impercettibile
che senti e non sai dire, che risuona
chiara nelle viscere , indivisa-
fino a perdere la sacra intimità
col luogo solitario che…

View original post 157 altre parole

2 pensieri riguardo “Il doppio cuore custodito nella pancia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...